”.. Un piccolo villaggio, Portofino, si estende a forma di mezzaluna lungo il bordo di questa baia calma …circondato da boschi di un verde profondo e vivo …

Non ho mai provato una sensazione simile a quella che sentivo quando entrai nella baia “.
Così scriveva Guy de Maupassant nel 1889. Portofino è la perla della Riviera di Levante, il ramo della Riviera Ligure dove sorge il sole. Si tratta di un porto accogliente, che in epoca romana serviva come sosta per le navi che da Roma andavano a Marsiglia. Plinio il Vecchio lo chiamò Portus Delphini perché i delfini abbondavano nelle sue acque. Si tratta di un porto naturale profondo, dove le navi possono tranquillamente gettare l’ancora per il riparo. Sulle montagne dietro la baia si estendono per migliaia di ettari pini marittimi, castagni, querce e ulivi.
Portofino era già famoso a cavallo del secolo scorso, ma raggiunge il suo come una località turistica negli anni Cinquanta. Artisti, attori, scrittori, personaggi famosi vengono qui da tutto il mondo.
Il villaggio è elegante e rilassante; la gente del posto ha l’immediatezza e l’onestà del popolo ligure. Le facciate delle case sono dipinte con colori tipici di questa regione, giallo pastello, rosa antico, azzurro e verde. Le persiane sono sempre dipinte di un verde foresta. Molti edifici sono decorati con l’effetto «trompe l’oeil». Molto popolare tra i vip di ogni tipo e del loro seguito è conosciuta in tutto il mondo per la sua piazzetta, Portofino è stata in grado di mantenere, nel corso degli anni, il suo aspetto pittoresco ed antico, l’identità policroma dei suoi edifici.